L’alluce valgo è una delle patologie più diffuse a carico del piede: il primo metatarso e l’alluce non sono più allineati, si crea un angolo tra loro detto valgismo, da cui prende il nome la deformità. In casi gravi l’alluce valgo arriva a sovrastare il secondo dito fino a toccare il terzo, coinvolgendo e disturbando inevitabilmente le dita, con conseguenze estetiche, ma soprattutto funzionali invalidanti. Inoltre l’alluce valgo contribuisce  a creare una cattiva dinamica del piede, causando dolore e una maggiore difficoltà nella deambulazione e addirittura problemi posturali.

Si può infatti parlare di una vera e propria “sindrome posturale da alluce valgo” caratterizza da:

  • tendenza al valgismo delle ginocchia con dolore della faccetta rotulea interna del ginocchio;
  • rigidità delle anche con limitazione della loro rotazione interna;
  • accentuazione della curva lombare con presenza di lombalgia cronica.

La deviazione laterale del primo dito provoca a livello dell’attaccatura dell’alluce un’infiammazione caratteristica e molto dolorosa detta familiarmente “cipolla” da sfregamento con la scarpa, che non è altro che una forma di borsite.

Le cause dell’alluce valgo sono molteplici e non ancora del tutto chiarite. Possono essere congenite, con tendenza a svilupparsi nell’età dell’accrescimento o acquisite, come nelle forme rachitiche, infiammatorie, infettive, traumatiche, ecc. In quest’ultimo caso, una responsabilità notevole può essere attribuita a modelli di calzature inadeguati alla fisiologia del piede, ad esempio scarpe con tacco alto o strette in punta con supporti plantari inadeguati alle esigenze della nostra volta plantare.

La costanza nell’ eseguire esercizi specifici, la ginnastica propriocettiva ed eventuali sedute di massoterapia, possono evitare un peggioramento della patologia, migliorare la sensibilità, correggere l’appoggio a terra e di conseguenza anche l’equilibrio e la stabilità di tutto il corpo.

Trovate i miei esercizio (illustrati da Silvia Gherra per www.esseredonnaonline.it) in questo articolo

 

Potrebbe interessarti anche:

Tagged on:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*