Illustrazione di Alice Borghi per EsseredonnaonlineCome risolvere il problema della cellulite? Una domandache assilla la maggior parte delle donne. Per trovare la risposta bisogna partire dal metabolismo cellulare

Il metabolismo cellulare è la modalità attraverso cui le cellule (dei muscoli, nel nostro caso) producono energia attraverso una serie di reazioni chimiche.
La “benzina” dei muscoli si  chiama ATP (adenosin-trifosfato) e i muscoli ne possiedono una riserva molto scarsa, ma il nostro corpo prevede tre modalità per ripristinare lle scorte:

  • In presenza di ossigeno (metabolismo aerobico)
    Vengono utilizzati i grassi e gli zuccheri presenti nel sangue che insieme all’ossigeno permettono di ripristinare l’ATP (ciclo di Krebs).  Il metabolismo aerobico è  possibile alla sola condizione che il movimento delle fibre muscolari non sia intenso. E’ il caso di attività di durata a bassa intensità come la camminata, la corsa lenta, la bicicletta, ecc.. .Questa è l’attività fisica consigliata per il dimagrimento. Dopo almeno 40 minuti d’attività infatti, al posto degli zuccheri, vengono bruciati i grassi di deposito, che transitano nei muscoli attraverso la circolazione del sangue.
  • Quando il lavoro muscolare è intenso e dura per un tempo attorno al minuto, entra in funzione il secondo sistema metabolico per ottenere energia: in assenza di ossigeno con produzione di acido lattico (metabolismo anaerobico lattacido). In questa condizione il sangue non può penetrare nei tessuti muscolari  perché la pressione occlude il transito arterioso. Il muscolo è isolato e i grassi e gli zuccheri presenti nel sangue non possono essere bruciati.  Si consumano quindi le scorte di zuccheri presenti all’interno del muscolo ma senza la presenza dell’ossigeno non possono essere ossidati completamente: si produce così una sostanza di scarto, l’acido lattico
  • Negli sforzi intensi e brevi (massimo 10 secondi) invece non vi è produzione di acido lattico perché i muscoli utilizzano gli zuccheri per una quantità di ATP inferiore. La ricostituzione dell’ATP avviene per mezzo del Creatinfosfato (CP), questo è il metabolismo anaerobico alattacido.

Cosa c’entra tutto questo con la cellulite? C’entra eccome, perché l’acido lattico specialmente nelle ragazze è il precursore della cellulite.

Ciò significa che per combattere la cellulite bisogna scegliere con cura il tipo di attività fisica
L’insidia più grande è rappresentata da attività motorie che innescano il metabolismo anaerobico lattacido anziché quello aerobico.

Illustrazione di Alice Borghi per Esseredonnaonline

Potrebbe interessarti anche:

Tagged on:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*